Gatti

Gatti

Postato da Amministratore Sezione Agricoltura 21 Agosto 2018 21:18 (data) | Meteosat24 | Alertmap | Geovulconologia | Flightradar | Fai datè | Agraria | Actaplantarum | Meteoweb | Biblioteca Vaticana | Tutto Gratis | info@mdesiners.com

Cenni storici
In campagna non possono mancare i gatti, fedeli difensori contro i fastidiosi roditori che si insinuano spesso e volentieri in qualunque parte per rosicchiare ogni cosa.
Tutto iniziò 10 anni orsono, da un gattone maschio delle Alpi di nome Coffy di razza Siamese mista ed una bella gattina di nome Puffa Siberiana puro sangue. Un incontro direi speciale perche dal primo colpo di sguardi, compresi che quei due gattacci avrebbero sfornato dei bellissimi esemplari di gattini, che riempono ancora oggi il cuore dei suoi padroni.
Nel video sono presenti Sissy e Grigiunia che fanno parte della prima cucciolata. Negli anni a seguire, tra chi e andato in cerca di avventure nelle campagne vicine, chi a deciso di rimanere in fattoria oppure a trovato un adozione e rimasto il Massiccio, dominatore del territorio circostante portando con i suoi fratelli la stirpe della fattoria Malamorrere.

Siamese
Il Siamese è una razza molto diffusa in tutto il Mondo. Antichi documenti (conservati a Bangkok, capitale della Thailandia, un tempo Siam) risalenti al XIV secolo parlano di gatti con caratteristiche riconducibili a quelle del Siamese. I primi Siamesi giunsero in Inghilterra verso la fine del XIX secolo, imbarcati da mercanti inglesi, rimasti affascinati dalla bellezza del mantello, dalla loro corporatura snella e dagli occhi blu. I primi esemplari di Siamese furono per la prima volta a una esposizione solo nel 1881 a Londra, ma lo standard fu più volte rivisto fino ad arrivare all’attuale gatto dal corpo affusolato e snello (ultima modifica dello standard risale agli anni Sessanta). I Siamesi di quell'epoca erano piuttosto diversi dagli attuali, più robusti e con la testa più tonda. I primi esemplari importati erano focati con il corpo avorio e le estremità colorate molto scure (Seal Point), ma di seguito vennero selezionati anche mantelli con estremità grigie e corpo bianco-grigiastro (Blu Point), estremità marroni e corpo avorio pallido (Chocolate Point) ed estremità rosate e corpo quasi bianco (Lilac Point). Questi 4 colori sono quelli classici del Siamese (comparsi naturalmente senza incroci con altre razze), mentre le altre colorazioni sono state originate da incroci con gatti di altre razze. Negli anni '90 alcuni allevatori iniziarono a rimpiangere la vecchia razza, tanto che nel 1998 fu riconosciuta una nuova-vecchia razza; nuovo lo Standard così come il nome: Thai. Il Balinese è la varietà a pelo semi-lungo del Siamese.


Siberiano
Dai Monti Urali si sono poi spostati verso la Siberia. L’antico gatto Siberiano viveva nelle foreste ed è per questo motivo che molti conoscono questa razza come Gatto Siberiano delle Foreste. Era un gatto selvatico con una forte predisposizione per la caccia. Il moderno gatto Siberiano nato in famiglia è però molto affettuoso con tutti, in particolare con i bambini con i quali si diverte a giocare. E’ una razza ancora rara in molti paesi, i primi allevatori si stanno diffondendo in Italia, Germania e America ma attualmente sono ancora pochi. La prima gatta importata in Italia è stata Quendalina Romanova.


Leggi anche

Google Ads

Ultimi Articoli


Ultimi Video