ACB Costruzione Esterna

ACB Costruzione Esterna ( 3 / 4 )

Postato da Amministratore Sezione Agricoltura 22 Aprile 2020 21:27 (data) | Meteosat24 | Alertmap | Geovulconologia | Flightradar | Fai datè | Agraria | Actaplantarum | Meteoweb | Biblioteca Vaticana | Tutto Gratis | info@mdesiners.com

La copertura sotterranea e l'uscita principale
Essendo che i conigli, dopo 2 anni circa di vita passata nella loro Buca, cominciarono a scavare le loro gallerie che naturalmente non sono state facilmente gestibili, difatti, Iniziarono a scavare nel basso dove però la ghiaia del drenaggio impedi la riuscita delle prime gallerie. Essendo che, nella parte bassa dove inizia la prima Rampa il terreno era durissimo e i roditori fecero molta fatica a scavare le gallerie, decisi di aiutarli scavando un leggero invito nella terra con una zappetta all’altezza del soppalco al Piano Primo.



Dopo pochi giorni, le gallerie presero forma e giunse un Problema di allagamento delle stesse perche erano fuori dal perimetro della struttura. Decisi quindi di scavare 1m circa di larghezza e 20cm di profondità tutto attorno alla struttura, scoperchiando anche le gallerie.
Proprio da esse, posizionai una piccola rampa/costruzione in legno che portava una via di uscita dalle loro gallerie al terreno esterno che circondava la buca e posizionai una copertura impermeabile rinforzandola con dei piccoli sostegni tutta attorno allo scavo per in fine ricoprirlo tutto con la terra.


I ripari naturali
Quando i conigli iniziarono ad uscire fuori dalla loro buca, premettendo che la recinzione era già stata costruita e il perimetro era stato messo in sicurezza, mi accorsi che i pericoli erano non solo derivanti dagli animali selvatici e domestici terrestri, ma anche da quelli aerei come falchi, cornacchie e gazze ladre. Decisi di costruire dei ripari naturali di rami di varie dimensioni intersecati tra di loro, messi in cerchio e possibilmente con delle vie di comunicazione sotterranee, dove i roditori potevano facilmente nascondersi e scappare dai rapaci pericolosi. Si possono mettere anche degli spaventa passeri ed i classici manichini appesi a degli alberi o altre strutture inventate per sorreggerli.
I ripari naturali, dopo un attenta osservazione durata quasi 2 anni, sono stati utili non solo per il nostro allevamento ACB ma anche, per ripari passerotti, Cincia mora sarda (Parus ater subsp. sardus) · Cinciallegra sarda, Corriere piccolo (Charadrius dubius), Uccello delle tempeste (Hydrobates pelagicus), tortore e altri volatili che volentieri trovano riparo e sicurezza.

La rete perimetrale
Tutto attorno all’allevamento, la parte più fondamentale e la rete elettrosaldata zincata maglia 10 x 5cm, alta minimo 1,75m da terra, sotterrata minimo 25 cm e cementata/rinforzata con pietre e ferri sotterrati più infondo possibile per far si che, non solo i conigli scavino in basso, ma anche per gli animali selvatici notturni che vogliono far razzia dei conigli. Pali zincati ogni 2,5m almeno, sotterrati almeno 40cm in terra e 4 fili di ferro utilizzati come tiranti. In oltre nella parte bassa, per minimo 50cm di altezza corre un’altra rete a maglia fine di 1 x 1cm per far si che i conigli piccoli non fuori escano dal recinto.


Il sistema elettrico LACME
Un'altra parte fondamentale della quale non si può fare a meno è l’elettrificatore LACME che ho montato tutto attorno al perimetro nella parte superiore della rete. Nel mio caso scelsi il modello Gamma ECONOMICA LACME EASY STOP la qualità al miglior prezzo a 9V, 12V e 220V (Bassa impedenza). Economica ma allo stesso tempo affidabile è l’ideale per coloro che non hanno pretese e cercano l’essenziale in un elettrificatore. La tecnologia BASSA IMPEDENZA gli permette di rimanere efficace anche in caso di perdite es: isolatori rotti, erba che tocca il filo ecc.
Voltaggio di uscita: 10.000 V
Energia di uscita con pila 9V 225 mJ (0,25J)
Energia di uscita con pila da 12v 450 mJ (0,45J)
Alimentazione: 9 - 12V
Consumo: 9V/12V 32 mA/49 mA
Può essere alimentato con:
- pile da 9V non incluse,
- batterie da 12V non incluse,
- rete elettrica a 220V con trasformatore 9V o 12V


Il sistema di cattura esterno
Catturare i conigli in libertà e davvero un’impresa da atleti professionisti per tanto, sempre con ingegno e professionalità sono riuscito a costruire un sistema di cattura interno/esterno per i roditori.


La struttura non e altro che un gabbia modificata con due aperture superiori, posizionata esattamente a metà della recinzione, con un bocchettone di entrata ed un’unica rampa di accesso per i conigli da terra, che, con una chiusura manuale, si possano bloccare dalla parte interna dell’allevamento una volta datoli da mangiare dalla parte esterna. Il concetto è che con i conigli affamati tenderanno ad entrare dall’unico ingresso, è una volta all’interno, si possano chiuderli per poi controllarli uno ad uno dalla apertura superiore interna.



Leggi anche

Anatra Muta di Barberia e Aylesbury

Derivata dalla Chairina moschata, specie originaria dell'America del Sud e giunta in Europa...

21 Agosto 2018 0 Commenti

Impianto

Nell’orto sinergico il metodo migliore di irrigazione è il sistema goccia a goccia usando tubi di ...

22 Febraio 2019 0 Commenti

Vino rosso e bianco

Dopo la raccolta dell’uva, si procede con la pigiatura. Anche quest’operazione...

7 Agosto 2018 0 Commenti

Prosciutto crudo

Una volta macellato l'animale, le cosce devono essere refrigerate e lavorate...

7 Agosto 2018 0 Commenti

Google Ads

Ultimi Articoli


Ultimi Video

Tags / Hashtag

    "#conigli, #coniglio, #gigante, #bianco, #razza, #riproduttrice, #allevamento, #in, #buca, #all'aperto, #da, #compagnia, #mega, #arrosto, #ai, #funghi, #panna, #biologico,